Museo dell’Ocarina e degli Strumenti musicali in terracotta Franco Ferri

 

[su_tabs vertical=”yes”]
[su_tab title=”Contatti”]

Via Garibaldi 35 – Budrio

Per informazioni tel. 051 6928306 – 051 6928279

 

[/su_tab]
[su_tab title=”Orari”]

Orari di apertura:

  • Dal 1 ottobre al 10 giugno
  • Tutte le domeniche dalle 15.30 alle 18.30

La prima domenica del mese dalle 10.30 alle 12.30 – dalle 15.30 alle 18.30

  • Durata media della visita 1 ora
  • Book shop

Entrata libera – Visite didattiche e guidate su prenotazione

Accessibilità ai disabili (1 sala su 2)

[/su_tab]
[su_tab title=”Eventi”]

non ci sono eventi in programma

EVENTI PER LE SCUOLE: SCARICA i percorsi_didatti_2014_2015

[/su_tab]

[/su_tab]
[su_tab title=”Fonti”]

http://www.comune.budrio.bo.it/contenuti.php?t=cultura&id=119&ref=1

 

[/su_tab]

[su_tab title=”Mappa”]

[su_gmap width=”320″ height=”200″ address=”Via Garibaldi 35 Budrio Bo Italy”]

[/su_tab]
[/su_tabs]

 

La storia del piccolo flauto in terracotta, che ha reso noto nel mondo il nome di Budrio, è raccontata in questo piccolo museo, unico al mondo, allestito negli spazi annessi all’Auditorium.

Centinaia i pezzi esposti – strumenti musicali e di lavoro, fotografie, dischi, spartiti, documenti – che testimoniano la creatività locale, ma anche esperienze diverse fiorite in Italia e all’estero, in particolare in Giappone, Gran Bretagna, Stati Uniti e America Latina.

Notevoli alcuni esemplari delle prime ocarine, risalenti a metà Ottocento, realizzate manualmente e senza l’uso di stampi dall’inventore Giuseppe Donati; quelle di inizio Novecento realizzate da Cesare Vicinelli, considerato lo Stradivari dell’ocarina; gli strumenti decorati con fregi liberty e dotati di uno stantuffo metallico prodotti dal budriese-londinese Alberto Mezzetti, fabbricante di ocarine dal 1870 al 1912.

In mostra anche significativi esempi della produzione di Emilio Cesari, Guido Chiesa e Arrigo Mignani, nonché la serie completa di nove ocarine prodotte oggi da Fabio Menaglio.

Interessante è il materiale sulla storia dei gruppi ocarinistici locali, che dal 1865 hanno contribuito a diffondere la conoscenza dello strumento in tutto il mondo con i loro repertori e i concerti.

Il 24 settembre 2011, il museo è stato intitolato a Franco Ferri, fondatore con altri budriesi della Scuola Comunale di Ocarina e a lungo promotore, sostenitore e collezionista di strumenti e documenti appartenenti alla storia dell’ocarina budriese.

 

Bibliografia

  • A. Adversi, L’ ocarina di Budrio, Bologna, 1963
  • Autori vari, a cura di A. Molinari Pradelli, Il suono dell’argilla: l’ocarina di Budrio 150 anni dopo, Budrio, 2003

IL PROGETTO UN SISTEMA ARMONICO

sistema armonicoUn Sistema Armonico è il nuovo progetto online che l’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna ha dedicato al patrimonio musicale della nostra regione.
Un itinerario multimediale che riunisce per la prima volta più di 40 tra musei, collezioni e istituzioni dedicati alla musica, tra cui anche il Museo dell’Ocarina di Budrio.

Sono sette i percorsi dell’ itinerario: personaggi e luoghi, musei della musica, collezioni e strumenti musicali, musica popolare, strumenti musicali meccanici, riproduzione del suono.