Pinacoteca Civica Domenico Inzaghi

 

[su_tabs vertical=”yes”]
[su_tab title=”Contatti”]

Palazzo della Partecipanza

Via Mentana, 32
40054 Budrio (BO)

tel. 051 6928306
051 6928279
musei@comune.budrio.bo.it          

[/su_tab]
[su_tab title=”Orari”]

Orari di apertura – Dal 1 ottobre al 10 giugno

  • Tutte le domeniche dalle 15.30 alle 18.30
    La prima domenica del mese dalle 10.30 alle 12.30 – dalle 15.30 alle 18.30
  • Durata media della visita 1 ora
  • Book shop

Entrata Libera – Visite didattiche e guidate su prenotazione

[/su_tab]
[su_tab title=”Eventi”]

Rassegna UN QUADRO AL MESE

QUI tutti gli appuntamenti domenicali

PER LE SCUOLE: SCARICA i percorsi_didatti_2014_2015

[/su_tab]

[/su_tab]
[su_tab title=”Fonti”]

http://www.comune.budrio.bo.it/contenuti.php?t=cultura&id=118&ref=1

http://www.budrioquiricode.com/link/pinacoteca_civica_inzaghi.htm#img/pinacoteca_09.jpg

[/su_tab]

[su_tab title=”Mappa”]

[su_gmap width=”320″ height=”200″ address=”Via Mentana 32 Budrio Bo Italy”]

[/su_tab]
[/su_tabs]

 

La maggior parte del patrimonio proviene dalla donazione alla Comunità budriese del capitano Domenico Inzaghi, che nel 1821 legò espressamente la sua ricca raccolta di dipinti e incisioni alla Partecipanza e alla sua nuova sede annessa al Teatro Consorziale.

La Partecipanza, antica istituzione agraria di origine medievale, aveva rappresentato per secoli lo strumento di organizzazione del lavoro collettivo e dell’usufrutto dei beni agrari comuni, ma anche un vero e proprio organo di governo della comunità, fino all’epoca napoleonica, quando venne distinta dalla Municipalità. Al momento dello scioglimento, nel 1931, la raccolta Inzaghi e l’edificio passarono al Comune di Budrio.

La Pinacoteca fu inaugurata nello stesso anno, allestita e curata da Antonio Certani. A seguito della ristrutturazione della sede, avvenuta nel 1988-1989, la collezione fu incrementata con i dipinti provenienti dall’Opera Pia Bianchi e dalla Fondazione Benni di Bologna. I dipinti esposti rappresentano un ampio repertorio della pittura bolognese-emiliana dal XIV al XVIII secolo, con importanti artisti come Vitale da Bologna, Dosso Dossi,  Prospero Fontana (sec. XVI), Lavinia Fontana, ma anche di maestri meno noti, attivi in aree periferiche o nell’ambito di celebri capiscuola – come Cima da Conegliano, Francesco Francia, Dosso Dossi, Ludovico Carracci, il Guercino, Guido Reni – di cui riecheggiano lo stile.

Bibliografia

  • C. Bernardini, La Pinacoteca civica di Budrio: guida illustrata, Cento, 2000
  • F. Raimondi (a cura di), I disegni e le incisioni della Pinacoteca civica di Budrio, Bologna, 1997
  • F. Servetti Donati, È Budrio un buon castel del Bolognese: breve guida al centro storico di Budrio, Bologna, 2002